CHERIMUS SUMMER SCHOOL

Scorrere la pagina per la versione in italiano

…nanta ca inguni ddoi essit cosa”

…there is something that goes out there, they say”

CHERIMUS SUMMER SCHOOL

July 14-24 2018


OPEN CALL
Deadline: June 10 2018

Cherimus is a not-for-profit organization founded in Perdaxius, Sulcis area, southern Sardinia, in November 2007 by a group of artists and professionals from different sectors and disciplines, based in Sardinia and all over the world.

Cherimus’ aim is to contribute to the development of the social and cultural heritage – past and present – of the Sulcis region through art, as a way of reflecting and intervening into its economic, social, political and cultural problems.

Like most marginalized areas of today, Sulcis is torn between the preservation of its heritage and its ongoing incorporation into the global sphere. Yet, the territory does not always seem to be able to actively manage this transition: its local history and identity run the risk of becoming mere ‘anecdotes’ or curiosities for tourists, rather than being consciously integrated into the real existence of communities, so as to create new avenues for culture and communal life.

Cherimus wants to open Sulcis up to inputs and experiences coming from distant places, building a bridge between regions that are geographically remote or apparently incompatible but which may nonetheless experience similar contradictions between their marginality and cultural richness. To this purpose, we have developed throughout the years a number of projects in collaboration with African, Middle Eastern and American institutions.

Cherimus Summer School is an experimental space designed to promote formal and informal discussions and exchanges among artists, researches and cultural managers. It aims to explore different forms of art-making through non-institutional teaching methods and experimental ways of sharing knowledge.

Cherimus Summer School seeks to establish a relation with the local communities’ existing energies, through the encounters we will make on our way and thanks to the guest artists we will collaborate with.

Up to 10 participants from all nationalities will be selected. The Summer School will last 9 days and will take place in Perdaxius and in the Sulcis area.

Every day of the Summer School, the selected artists will take part in the workshops organized by Cherimus’ network of artists. The workshops will give them the opportunity to get into contact with the different elements that coexist in the Sulcis area, such as landscapes, sounds, flavors, customs and traditions, which will be investigated through dynamic classes.

The outcome of the Cherimus Summer School will be defined together with the participants.

 

RANGE OF ACTIVITIES (the scheduled activities will be defined together with the participants):

– Visit to Pranedda: we will trace its untracked paths! Pranedda faces Perdaxius; it is a ancient mountain where legendary and mysterious events happen. Here you can find an article about the mountain written by Cherimus artists Matteo Rubbi and Santo Tolone: http://www.flashartonline.it/article/matteo-rubbi-santo-tolone/ 

  • Music workshops on the ancient melodies of Sulcis; invention of new and old instruments;
  • Astrosafari: we will observe the stars and invent tales during an outdoor night potluck;
  • Underwater video shooting using props made out of natural elements collected in the area;
  • Watching pink flamingos on the beach;
  • Exploration of the old Sulcis-Iglesiente mines;
  • Walks to different Nuragic archeological sites;
  • Cooking workshops with the local population from Perdaxius, focused on traditional Sulcis recipes;
  • Preparation of Cocoi, the porcupine bread with an astonishing shape;

 

ARTISTS AND STAFF CHERIMUS SUMMER SCHOOL:

  • Fiammetta Caime: She deals with coordination, administrative management and logistics of Cherimus’ projects. She lives and works in Milan. She is fond of art and people.
  • Derek MF Di Fabio: visual artist. His works are part of experiences that can be re-lived through shared memory and they can no longer be circumscribed as a who/how/where. With Isa Griese they perform as 2008daughters inquiring into the production of goods. He is part of Cherimus since 2010.
  • Matteo Rubbi: visual artist, co-founder of Cherimus with Marco Colombaioni and Emiliana Sabiu. In his works he invites the viewers to read the context in which they live and their role in society.
  • Emi Sabiu: she cofounded Cherimus in 2007, with Matteo Rubbi and Marco Colombaioni; she invents projects linked with art and people. She is from Perdaxius, where she lives and works most of the times.
  • Carlo Spiga: visual artist and musician, under the moniker of Makika. He’s part of Cherimus since 2010. He lives and work in Cagliari.

 

LOCATION : Perdaxius is located ~70 Km from Cagliari. The nearest train station is Carbonia which is reachable by train from Cagliari airport and Cagliari city centre.

Accommodation Info : A flat with three separate bedrooms, shared kitchen, living room and garden.

Technical Info : Basic working power tools and multimedia devices (printer, video-projector, audio and video recording devices).


COST : EUR 500.00
The fee includes:
Accommodation in double/quadruple fully equipped bedrooms

  • Farm to Table Breakfast
  • Workshops and seminars
  • Excursions
  • On-site support

Not included:

  • Travel costs
  • Lunch and dinner

This is the first Summer School organized by Cherimus and it doesn’t receive any external funding.
We can provide a formal letter or invitation to enable the artist to search for funding and cover the costs.

APPLICATION PROCESS

  • Language : English, Italian, French
  • We are looking for a heterogenous group of artists from different backgrounds and working on different media;
  • Art-collectives are welcome;
  • Applications may be submitted via video or audio, to support those with dyslexia, rather than in written form.

To apply, please provide:

  • a statement describing why you are interested in the Cherimus Summer School (max 500 words)
  • a portfolio and/or links to your works
  • a brief biographical note and information relating to your personal circumstances, if applicable (max 500 words)

Please send 1 PDF file compiling all the application materials to cherimus@gmail.com with the subject: Cherimus SUMMER SCHOOL
Attachment should not exceed 24 MB.
Video and sound files should be uploaded online. Please, include links and passwords, if necessary, in the PDF.

APPLICATION DEADLINE : June 10, 2018
The participants will be notified about the outcome of the selection process via email by 18th June.

The deadline for the payment of fees will be 25th June.

A minimum of 6 participants will be required to activate the Summer School.

 

For more informations contact us:
cherimus@gmail.com
Emi Sabiu +393486299861
 

1_Copertina

… nanta ca inguni ddoi essit cosa”

… dicono che lì c’è qualcosa”

… nanta ca inguni ddoi essit cosa”

… dicono che lì c’è qualcosa”

CHERIMUS SUMMER SCHOOL

14-24 luglio 2018


Open Call
Deadline: 03 giugno 2018

Cherimus è una associazione no-profit fondata a Perdaxius, nel Sulcis (sud-ovest Sardegna), nel novembre del 2007, da un gruppo di artisti e professionisti di vari settori e discipline, provenienti dalla Sardegna e dal resto del mondo.

Cherimus partecipa attraverso l’arte contemporanea allo sviluppo del patrimonio sociale e culturale – passato e presente – del Sulcis Iglesiente, considerando l’arte come riflessione e intervento sulle questioni economiche, politiche e culturali del Sulcis.

Come ogni “periferia”, il Sulcis, oggi, è diviso fra la conservazione della sua eredità e la spinta verso l’inserimento nella sfera globale. Tuttavia la transizione rischia di essere solo subita: la storia e l’identità territoriale rischiano di trasformarsi in aneddoto o semplice curiosità turistica, piuttosto che essere consapevolmente integrate dalle comunità locali per creare nuovi spazi culturali e di vita comune.

Cherimus cerca di aprire il Sulcis a esperienze e idee provenienti da paesi lontani costruendo un ponte tra realtà geograficamente distanti o apparentemente incompatibili, che tuttavia spesso condividono lo stesso squilibrio fra ricchezza e marginalità culturale.

A questo scopo, abbiamo sviluppato negli anni numerosi progetti in collaborazione con istituzioni di Africa, Medio Oriente e America.


Cherimus Summer School è uno spazio sperimentale pensato per stimolare una discussione formale e informale tra artisti, ricercatori e cultural manager, che esplora le diverse discipline dell’arte attraverso un metodo di insegnamento non istituzionale.
Cherimus Summer School si relaziona alle energie e tensioni presenti nella società, attraverso gli incontri che hanno luogo nel corso della residenza e grazie agli artisti che terranno I laboratori.

Saranno selezionati fino a un massimo di 10 partecipanti provenienti da tutte le nazionalità. Cherimus Summer School avrà una durata di 9 giorni e si svolgerà a Perdaxius e in tutto il Sulcis.
Durante la Cherimus Summer School i laboratori saranno organizzati quotidianamente. I laboratori offriranno la possibilità di entrare in contatto attivo con diversi aspetti del territorio del Sulcis: il paesaggio, i suoni, i sapori, i costumi e i gesti.

È prevista una restituzione la cui forma finale verrà definita durante i laboratori.

Esempi di attività previste (il programma verrà definito insieme ai partecipanti):

  • Astrosafari: workshop notturno all’aperto in cui osservare le stelle e inventare storie;
  • Escursioni attraverso siti archeologici nuragici, luoghi preistorici che segnano ancora oggi il paesaggio del Sulcis;
  • Laboratorio di cucina tenuto da Perdaxini sulle ricette tradizionali sulcitane;
  • Laboratorio musicale sulle antiche melodie del Sulcis, provenienti da un passato remoto; creazione di nuovi e antichi
  • strumenti musicali;
  • Workshop sulla preparazione del Cocoi, il pane-porcospino dalla forma sorprendente;
  • Walking workshop: esplorazione delle miniere e degli antichi sentieri;
  • Workshop di video subacquei: riprese sottomarine con oggetti di scena costruiti con materiali recuperati in loco.
  • Osservazione dei fenicotteri rosa sulla spiaggia.


Artisti e staff della Cherimus Summer School:

  • Fiammetta Caime: Si occupa di coordinamento, gestione amministrativa e logistica dei progetti di Cherimus. Vive e lavora a Milano. Ama l’arte e le persone.
  • Derek MF Di Fabio, artista visivo. I suoi lavori fanno parte di esperienze che possono essere rivissute attraverso la memoria condivisa, così non possono essere più circoscritti in un chi/come/dove. Assieme a Isa Griese, è 2008daughters, nelle cui performance si producono beni di prima necessità. È parte di Cherimus dal 2010.
  • Matteo Rubbi: artista visivo, co-fondatore di Cherimus con Marco Colombaioni ed Emiliana Sabiu. Nel suo lavoro, invita lo spettatore a leggere il contesto in cui vive e il ruolo che ricopre nella società.
  • Emi Sabiu: ha co-fondato Cherimus nel 2007 con Matteo Rubbi e Marco Colombaioni. Ama inventare progetti che riguardano l’arte e le persone. Perdaxius è il suo paese.
  • Carlo Spiga: artista visivo e musicista, con il nome di Makika. È parte di Cherimus dal 2010. Vive e lavora a Cagliari.

Location
Perdaxius si trova a circa 70 Km da Cagliari. La stazione ferroviaria più vicina è quella di Carbonia, raggiungibile in treno dall’aeroporto e dalla città di Cagliari.

Alloggio
Appartamento con tre camere da letto separate, cucina in comune, soggiorno e giardino.

Informazioni tecniche
Strumenti di lavoro di base e dispositivi multimediali (stampante, videoproiettore, dispositivi di registrazione audio e video).

Costo : 500.00 EURO

La quota comprende:

  • Sistemazione in camere doppie / quadruple completamente attrezzate
  • Colazione a chilometro zero
  • Laboratori e seminari
  • Escursioni
  • Supporto in loco

La quota non comprende:

  • Spese di viaggio 
  • Pranzi e cene

Questa è la prima Summer School organizzata da Cherimus e non riceve alcun finanziamento esterno. Possiamo fornire una lettera di invito formale per consentire all’artista di chiedere finanziamenti e coprire i costi.

Modalità di partecipazione

  • Lingue: italiano, inglese, francese;
  • Stiamo cercando un gruppo eterogeneo di artisti provenienti da diversi background, esperienze e pratiche.
  • I collettivi di artisti sono benvenuti.
  • Le richieste di partecipazione possono essere presentate in forma video o audio, anziché per iscritto, per supportare chi affetto da dislessia.


Per partecipare, si prega di fornire:

  • Uno statement che spiega perché si è interessati alla Cherimus Summer School (max 500 parole);
  • Portfolio o Curriculum Vitae e/o link alle opere;
  • Una breve nota biografica che includa eventuali informazioni personali, se necessario (max 500 parole).

Si prega di inviare un file in formato PDF che raccolga tutti i materiali suddetti all’indirizzo cherimus@gmail.com con oggetto: Cherimus SUMMER SCHOOL.

L’allegato non dovrà superare i 24 MB.

I file audio e video devono essere caricati online. Si prega di includere link ed eventuali password nel PDF

Application deadline

03/06/2018

I partecipanti selezionati riceveranno comunicazione diretta via email entro il 18 giugno.

I partecipanti dovranno versare la quota di partecipazione entro il 25 giugno.

La Summer School sarà attivata a partire da un minimo di 6 partecipanti.

Per maggiori informazioni contattaci:

cherimus@gmail.com

Emi Sabiu: +3486299861

CARNIVAL! NAIROBI

[English below] 

Carnival! Nairobi nasce da un’idea di Okada Buluma e Marco Colombaioni che hanno immaginato di inventare un carnevale a Nairobi, una festa che in Kenya per ora non esiste. Un carnevale nuovo che coinvolge i ragazzi che vivono per strada e dove sia possibile essere quello che si vuole. Carnival! Nairobi sarà annunciato alla città il 12 aprile 2018 nel City Stadium di Nairobi, in occasione della Giornata internazionale dei bambini di strada. La parata finale si terrà il 14 aprile 2018.

copertinacarnival1

img_9044
Kamau, uno dei protagonisti di Carnival! Nairobi

Okaba Buluma ci racconta come è nato il primo Carnevale di Nairobi

L’idea del carnevale è nata da alcune chiacchierate con Marco, negli anni in cui ero in Italia, nel 2008-2009. Marco aveva l’abitudine di girare Milano per visitare le gallerie d’arte e spesso mi portava con lui. In quegli anni lì mi ripeteva di frequente la sua idea di portare un Matatu (minibus per il trasporto pubblico, spesso colorati, aerografati e pieni di musica ad alto volume) a Milano. E parlando di questa idea venne fuori che in Europa, in Italia, esiste il carnevale, che è un’esplosione di fantasia, come lo sono i matatu. Marco si chiedeva che vita avrebbe preso la creatività kenyana se trasposta in un contesto come quello del carnevale. Perché nel carnevale c’è sì tanta follia, ma è anche un’esplosione di vita, un’espressione della bellezza della vita.

img_6928
Una maschera realizzata durante un laboratorio con Ocean Sole, un`impresa sociale che ricicla le infradito abbandonate nelle spiagge

L’idea di realizzare il carnevale a Nairobi, e di farlo con i ragazzi di strada, è quasi geniale: dà l’opportunità di fare splendere qualcosa che ancora non si vede. Sulla strada ci sono tanti tesori nascosti che in genere non si conoscono finché non si va a toccarli: come un diamante grezzo, che sembra una pietra da poco, però se scavi bene arriva a brillare. Se non si scava, se non si fa un passaggio del genere, non si può arrivare a capire e apprezzare quello che stiamo perdendo come esseri umani, ignorando la vita dei ragazzi di strada. Il fatto che stiamo finalmente facendo questo carnevale a Nairobi, dopo così tanti anni, vuol dire che quell’idea era come un seme nella coscienza di molti di noi che piano piano ha fatto il suo viaggio e che ora sta crescendo.

1

3

Il carnevale ci dà l’opportunità di aprire una finestra magica. Per via delle condizioni in cui vivono, questi ragazzi non credono più di poter realizzare i propri sogni, che rimangono solo nella loro testa. Il carnevale, in realtà, è una finestra che consente al mondo e alla società di vedere questi tesori nascosti. Tutti noi di solito, quando guardiamo verso la vita di strada, vediamo solo cose negative, persone che vivono una situazione pietosa. Ma dando loro un’occasione, queste persone splendono, questi bambini riescono a fare cose che non possiamo nemmeno immaginare: il carnevale dà l’opportunità di vedere tutta questa potenzialità nella sua pienezza. Vedo l’opportunità di dare voce a un bambino che comunica in una maniera che noi non conosciamo, e che in questo modo potremmo riuscire a capire, perché manderà un messaggio molto chiaro su quali sono i suoi sogni, su qual è la sua quotidianità, e questa quotidianità come la vive, come la apprezza, cosa sta imparando dalla sua esperienza di strada. Il carnevale ci porterà la possibilità di assaggiare sia i lati che noi riteniamo essere negativi della vita di strada, sia quelli positivi, che non conosciamo ancora. Ci darà l’opportunità di esplorare un mondo che non conosciamo tanto, ed è anche un’occasione per i bambini, per i ragazzi di strada di insegnarci le piccole cose che rendono la vita più bella e che stiamo dimenticando.

Questo carnevale si mette al servizio di qualcosa di molto prezioso, perché gioca sul piano dell’immagine che i bambini e i ragazzi di strada hanno di sé, e perché fa emergere la bellezza dall’esperienza che stanno vivendo. Tu puoi essere molto bello, però se in continuazione la società ti bombarda di messaggi negativi su di te, ti viene il dubbio che tu non sia bello per davvero. Quando, attraverso un’esperienza del genere un bambino riesce a fiorire, questo aiuta la sua autostima, rafforza l’idea che ha di se stesso: anche se sta vivendo una realtà difficile, capisce di essere speciale, di avere qualcosa di unico al mondo. Certo, farà tutto quello che potrà nell’affrontare le difficoltà di strada, ma alla fine c’è una speranza: non è tutto perduto, c’è ancora qualcosa che si può fare, e quello che sta emergendo nella preparazione di questo Carnevale ne è testimone, è testimone che c’è vita, anche sulla strada.

Okada Buluma

img_648doppia

img_648

I laboratori, iniziati in Sardegna con gli artisti Carlo SpigaFrancesco MeddaAugustine Namatsi Okubo Margherita Riva, si terranno nelle basi di strada di Mtindwa, Kawangware e Ngong e saranno guidati da Derek MF Di FabioMatteo RubbiEmiliana Sabiu in collaborazione con il Production Studio di Kivuli (Mega-Link), parallelamente al recupero dei ragazzi da parte degli educatori di Koinonia.

Dopo CIAK! Kibera, Carnival! Nairobi è la seconda edizione di Darajart, un progetto di residenza d’artista a Nairobi ideato nel 2010 da Marco Colombaioni. Quest’anno, gli artisti selezionati per la residenza sono il musicista di Torino Luca Garino e lo scrittore libanese Ibrahim Nehme.

p1000817
Gli artisti in residenza per Darajart 2018: Luca Garino, musicista e Ibrahim Nehme, scrittore.

Segui il diario di Carnival!Nairobi su LifeGate!

Carnival! Nairobi è un progetto di cooperazione internazionale finanziato dalla Regione Sardegna, Legge Regionale 11 aprile 1996, n.19, e ideato da Cherimus in collaborazione con le associazioni Amani e Koinonia community, Teatro di Sardegna, i comuni sardi di Perdaxius e Narcao.

*** English***

Carnival!Nairobi  aims to organize a parade through the streets of Nairobi, together with its street children. It will take place on April 14, and it will be announced to the town on the occasion of the International Day of Street Children in the Nairobi City Stadium, on April 12.

In preparation for the final parade, we have been organizing workshops to help the children express themselves freely through manual activities they have never done before and enhance the character, desires and dreams of everyone.

The workshops – which started in Sardinia, with the artists Carlo SpigaFrancesco MeddaAugustine Namatsi Okubo and Margherita Riva – are led by Derek MF Di FabioMatteo Rubbi and Emiliana Sabiu, in collaboration with the Kivuli Production Studio (Mega-Link) together with the educators of Koinonia, who work to give the street children a home.

Carnival! Nairobi is the second edition of Darajart, an art residency project in Nairobi conceived in 2010 by Marco Colombaioni. This year, the artists selected for the residence are the musician Luca Garino and the writer Ibrahim Nehme. The project will continue the journey that we started last year in Nairobi with Ciak! Kibera for the first edition of Darajart.

Follow the Carnival diary! Nairobi on LifeGate

Carnival! Nairobi is an international cooperation project funded by the Sardinia Region, Regional Law 11 April 1996, n.19, and conceived by Cherimus in collaboration with the Amani and Koinonia community, Teatro di Sardegna, the Sardinian municipalities of Perdaxius and Narcao.

img_78061cut 3

img_5183 img_6364 img_8957 img_8961 img_9000 metg2617-copy metg2666-copy metg2674 metg2686 metg2693 metg2746-copy  p1000973 p1000980

3

DCIM100GOPROGOPR0227.

Caro Giacomo 2017

10 anni di Caro Giacomo
CIAK! Kibera nel Sulcis

Cherimus come ogni anno, a luglio, inaugura Caro Giacomo 2017, un progetto artistico annuale che, dal 2008, è occasione di incontro fra artisti provenienti da tutto il mondo e il piccolo Comune del Sulcis per contribuire alla festa patronale.
Nel 2017 Caro Giacomo celebra il suo 10° anniversario con la presentazione di CIAK! Kibera – un progetto di cooperazione internazionale tra la Sardegna e il Kenya.

Il video “Bisu ndoto” realizzato a Kibera, Nairobi, è stato presentato in occasione di una presentazione al paese che ha visto la partecipazione di Arrogalla, Makika e i Don Leone in un concerto nella Piazza di Perdaxius.

dsc_0061
Arrogalla e Makika in concerto a Perdaxius, sullo sfondo Charles Nshimiyimana mentre realizza la statua di Santu Jacu

 

dsc_0069
Donato Cherchi e Matteo Leone, alias, i Don Leone

Con CIAK! Kibera, Cherimus ha creato un ponte tra la Sardegna e Kibera, una tra le più estese baraccopoli del Kenya. Nel mese di febbraio 2017 Cherimus ha incontrato e lavorato con studenti delle scuole di Iglesias insieme ai ragazzi richiedenti asilo ospitati da Casa Emmaus. Nel mese di aprile 2017, a Nairobi si sono svolti laboratori di sceneggiatura, regia, scenografia e musica con ex bambini di strada proprio a partire dalle idee e riflessioni nate in Sardegna.

ciakkibera-aciapabisusfoto-di-vince-cammarata
Titus “The Dream Catcher” è il protagonista nel videoclip BISU NDOTO Foto di Vince Cammarata

Il punto di partenza del progetto sono i sogni dei ragazzi, che hanno preso forma nel video che è stato presentato a Caro Giacomo 2017. La sceneggiatura è stata realizzata durante i laboratori dallo scrittore e giornalista Guido Bosticco, le riprese sono del regista Andrea Canepari, le scenografie sono dell’artista Derek MF di Fabio e la colonna sonora è curata da Francesco Medda – Arrogalla.

francescomedda-laboratorionairobi-foto-di-vince-cammarata
Francesco Meda “Arrogalla” durante i laboratori nel Production Studio di Kivuli, con Charles “Sober Boy” Kaylech, Hussein Farouk “the tall guy” Ali, Idris Abdul Ismail, Mopel “Original Xloader”

BISU NDOTO, in vinile e digitale, è disponibile online e durante le presentazioni.

Le musiche sono state composte da Arrogalla e il packaging è di Derek MF di Fabio

L’edizione Caro Giacomo 2017 è organizzata da Fiammetta Caime, Matteo Rubbi, Emiliana Sabiu, Carlo Spiga (Cherimus), con il contributo del Comune di Perdaxius.
Il progetto CIAK! Kibera è stato realizzato in collaborazione con il Comune di Perdaxius, il Comune di Narcao, Associazione Casa Emmaus, Teatro di Sardegna, Ong Amani, Associazione Koinonia di Nairobi.
CIAK! Kibera è finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna, Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 , Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale.

CIAK! Kibera

p4201715-light p4201894-light

Kibera è un quartiere di Nairobi. Ed è anche la più grande baraccopoli di tutta l’Africa sub-Sahariana.
Kibera è adagiata su una collina stretta tra il verde del Parco Nazionale di Nairobi, alcuni quartieri residenziali e il centro città. In poco più di 256 ettari vivono circa un milione di persone, in una città che supera non di molto i quattro milioni di abitanti.
Il nome “Kibera” deriva dal nubiano e significa “foresta”: si trattava infatti di un’area ricca di vegetazione. Oggi non ve n’è traccia.

CIAK! Kibera è un’avventura che coinvolge artisti, musicisti e filmaker keniani e internazionali per realizzare un film, lavorando con un gruppo di 20 ragazzi nati e cresciuti nella baraccopoli.
Loro saranno i nostri compagni di viaggio. Insieme a loro scriveremo una storia che racconta le vite e i sogni di questi ragazzi. Il film prenderà forma giorno per giorno attraverso uno scambio continuo, in cui ognuno imparerà e insegnerà qualcosa agli altri.

Ciak! Kibera nasce sognando un luogo d’arte, di ricerca e d’incontro dove si possano sperimentare idee e si aprano i confini della conoscenza fra le persone, prima che fra le culture.

Ciak! Kibera è la possibilità di un incontro e di uno scambio: un’apertura anziché una chiusura autoreferenziale.

Ciak! Kibera è un progetto di arte, che coinvolge le più interessanti realtà artistiche keniane e internazionali.

Ciak! Kibera è un occhio su una parte di mondo spesso dimenticata o all’apparenza molto lontana.

Ciak! Kibera è un ponte senza barriere che collega due continenti.

Ciak! Kibera fa parte di “Darajart”, un progetto di residenze internazionali nato nel marzo 2010 da una visionaria idea di Marco Colombaioni (Milano 1983 – Marina di Ravenna 2011) che dopo svariati viaggi in terra keniana ha desiderato offrire nuove possibiltà attraverso l’Arte.

Partecipano a CIAK! Kibera Guido Bosticco, Vincenzo Cammarata, Andrea Canepari, Alberto Colzani, Fiammetta Caime, Derek Francesco Maria di Fabio, Camilla Garelli,  Guido Mariani, Francesco Medda, Andrea Rossi,  Matteo Rubbi, Emiliana Sabiu, Carlo Spiga. Francesco Medda,

CIAK! Kibera è un progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna, Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 , Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale.

L’associazione responsabile del progetto è Cherimus e i partner sono: Comune di Perdaxius, Comune di Narcao, Teatro di Sardegna di Cagliari, Casa Emmaus di Iglesias, Amani ONG di Milano, Koinonia Community di Nairobi.

Ph Vince Cammarata

p4180587light p4180523-light p4180370-light p4160680-light

***

Kibera is a district of Nairobi. And it is also the largest informal settlement in all of sub-Saharan Africa.

Kibera lies on a hill between the green of the Nairobi National Park, some residential areas and the city center. Around one million people live in just over 256 hectares, in a city of about four million inhabitants.

The name “Kibera” is a Nubian word which means “forest”: this area, in fact, used to be covered by luxurious vegetation. Today, there is no trace of it left.

Ciak! Kibera is an adventure to which will take part Kenyan and international artists, musicians and filmmakers, who will work to realize a film together with a group of 20 children born and raised in Kibera.

They will be our fellow travelers. Together with them, we will write a story about their lives and dreams. The film will take shape through daily exchanges, where everyone will learn and teach something to the others.

Ciak! Kibera is the dream of a space of art, research and encounters where to experiment with ideas and transgress the confines of knowledge that separate cultures and, above all, people.

Ciak! Kibera is the possibility of encounters and exchanges: an opening in place of a self-referential closure.

Ciak! Kibera is an art project that involves some of the most interesting Kenyan and international artists.

Ciak! Kibera is a gaze on a part of the world that is often forgotten or simply deemed too distant.

Ciak! Kibera is a bridge without barriers that connects two continents.

Ciak! Kibera is part of “Darajart”, a project of international residences created in March 2010 by a visionary idea by ​​Marco Colombaioni (Milano 1983 – Marina di Ravenna 2011), who – after several trips to Kenya – wanted to create new possibilities through art.

CIAK! Kibera is a project funded by the Autonomous Region of Sardinia, Regional Law 11 April 1996, n. 19 (Legislation on cooperation with developing countries and on international cooperation).

The project is managed by the Association Cherimus, in partnership with the Municipality of Perdaxius, the Municipality of Narcao, Teatro di Sardegna (Cagliari), Casa Emmaus (Iglesias), Amani NGOs (Milan) and Koinonia Community (Nairobi).

p4201476-light

p4091383-light