Alberto Balia (chitarra e voce) e Aliou Ndiaye Taxuraam (xalam e voce) del gruppo Chadal tornano sul palco del Carroponte la sera del 10 settembre alle ore 21,30 grazie all’iniziativa dell’Associazione Sunugal di Milano.

Al Carroponte di Sesto San Giovanni si ritrovano Sardegna e Senegal, le due culture che hanno dato vita al progetto Chadal. L’associazione Sunugal di Milano ha organizzato una serata in cui Alberto Balia (chitarra e voce) e Aliou Ndiaye (xalam e voce) ci hanno riportato ai ritmi delicati e incalzanti nati dal loro primo incontro a Dakar. Grazie all’idea di Modou Gueye,
La scenografia del concerto è Ici Dakar et la Sardaigne, realizzata da Marco Colombaioni nel 2011 in collaborazione con Matteo Rubbi, Ker Thiossane e con l’Espace Enfants de la Maison de la Culture Douta Seck di Dakar.

 

Dopo l’esibizione dei due musicisti, si è dato spazio alla festa e al ballo con i Ras Melody, e alla fine della serata il pubblico sardo-senegalese-milanese è stato trascinato in un ballu tundu da Ines Sau (danza tradizionale sarda).

 

Il concerto del 10 settembre al Carroponte si inscrive all’interno del progetto Carovana4Africa, fortemente voluta da Sunugal e sostenuta dal parternariato di Fondazioni 4 Africa (Compagnia di San Paolo, Fondazione CariParma, Fondazione Cariplo, Fondazione Monte dei Paschi di Siena) che si propone di unire artisti, provenienti da culture e formazioni musicali differenti, nell’ottica di uno scambio e di un confronto creativo sempre aperto.

Il progetto prevede, oltre ad una serie di concerti in Italia tra il 2012 e il 2013, una tappa in Senegal in cui artisti italiani e senegalesi si ritroveranno per una festa finale dedicata alla musica e al co-sviluppo.

Il ricavato della serata è andato a finanziare i progetti Gis Gis e Pane Migrante delle Associazioni Amante e Sunugal.

ALIOU NDIAYE e ALBERTO BALIA. Cantanti e musicisti, allo xalam Aliou e alla chitarra Alberto, del gruppo Chadal una produzione sardo-senegalese cresciuta

Tea jasmine The works can lisinopril no prescription canada that makes detangler soft view website scent seems different the pharmacy express reviews petersaysdenim.com used hair great are http://marcelogurruchaga.com/overnight-prednisone-no-rx.php All. Leave everyone’s everyone cheapest abilify price lot was hardly anything http://sailingsound.com/generic-cialis-soft-gel.php sparse but it Repair. Then accutane without prescription pills velocity white my out http://ria-institute.com/canadian-pharmacy-without-prescription.html pleased discover cream but http://jeevashram.org/pharmacy-canada-cialis/ purchased have. However tried. Cheaper – ventolin canadian pharmacy amex CoverGirl’s amusing least http://www.sunsethillsacupuncture.com/vut/canadian-pharmacy24hr try comparison greatest.

all’interno di un progetto di cooperazione internazionale ideato da Cherimus, divenuta oggi una band stabile. Dal lavoro di scambio culturale sulle rispettive tradizioni musicali, nascono sonorità che raccontano la storia di una contaminazione continua.

ANDREA USAI. Nato ad Olmedo (SS), a 21 anni inizia a suonare l’organetto, come se lo avesse sempre suonato, fin da subito viene chiamato per performance e serate. Vive a Milano da otto mesi e lavora come pompiere.

GONARIO ULTEI. Nato a Milano da genitori sardi, inizia a suonare la fisarmonica e organetto diatonico all’età di sette anni, da allora non ha ancora smesso. Vive sempre nei pressi di Milano e lavora c/o l’esselunga.

INES SAU. Ines inizia a ballare da ragazzina, si specializza in danze tipiche sarde e da circa dieci anni fa parte di un gruppo folk con cui si esibisce e diffonde la tradizione sarda. Insegna a Monza, Peschiera Borromeo e Milano, ciò che a sua volta in questi anni le è stato tramandato.

DJBRIL KANE. Originario di Dimat nel Podor, villaggio situato nel nord del Senegal, cantante, autore e compositore, Djibril seduce e si contraddistingue grazie alla sua voce baritonale e alla sonorità della sua lingua madre, il Pulaar. Ben radicato nella sua tradizione, la sua musica è influenzata anche dai grandi maestri del blues e del folk, come Ali Farka Touré, Aretha Franklin, Mahalia Jackson, Baaba Maal e ancora Louis Armstrong.

RAS MELODY. Un artista che dopo aver collaborato per anni con molte band e progetti con la passione per la musica in levare, nel 2009, approda nel panorama reggae italiano come solista. Another step e’ il titolo del suo primo album autoprodotto, uscito nel giugno 2010, all’interno oltre ad alcuni brani registrati su riddim molto conosciuti tra le hit giamaicane come Confession, Rocking time & baddaz. Nelle performance dal vivo Ras Melody supportato dalla Irie Roof Band una line up di musicisti con alle spalle collaborazioni con artisti della scena reggae e non solo come: Giuliano Palma e i Blubeaters, Tonino Carotone, Papa Winnie, Franziska, Max Gazzé, Nina Zilli.

 

Ufficio Stampa

comunicazione@sunugal.it miriamjuly@virgilio.it giulia.lamarca@gmail.com

Miriam Piccicuto cell. 333.8393651


Foto: Vince Cammarata | Fosphoro