© 2017 . All rights reserved. p4180615-light

CIAK! Kibera

p4201715-light p4201894-light

Kibera è un quartiere di Nairobi. Ed è anche la più grande baraccopoli di tutta l’Africa sub-Sahariana.
Kibera è adagiata su una collina stretta tra il verde del Parco Nazionale di Nairobi, alcuni quartieri residenziali e il centro città. In poco più di 256 ettari vivono circa un milione di persone, in una città che supera non di molto i quattro milioni di abitanti.
Il nome “Kibera” deriva dal nubiano e significa “foresta”: si trattava infatti di un’area ricca di vegetazione. Oggi non ve n’è traccia.

CIAK! Kibera è un’avventura che coinvolge artisti, musicisti e filmaker keniani e internazionali per realizzare un film, lavorando con un gruppo di 20 ragazzi nati e cresciuti nella baraccopoli.
Loro saranno i nostri compagni di viaggio. Insieme a loro scriveremo una storia che racconta le vite e i sogni di questi ragazzi. Il film prenderà forma giorno per giorno attraverso uno scambio continuo, in cui ognuno imparerà e insegnerà qualcosa agli altri.

Ciak! Kibera nasce sognando un luogo d’arte, di ricerca e d’incontro dove si possano sperimentare idee e si aprano i confini della conoscenza fra le persone, prima che fra le culture.

Ciak! Kibera è la possibilità di un incontro e di uno scambio: un’apertura anziché una chiusura autoreferenziale.

Ciak! Kibera è un progetto di arte, che coinvolge le più interessanti realtà artistiche keniane e internazionali.

Ciak! Kibera è un occhio su una parte di mondo spesso dimenticata o all’apparenza molto lontana.

Ciak! Kibera è un ponte senza barriere che collega due continenti.

Ciak! Kibera fa parte di “Darajart”, un progetto di residenze internazionali nato nel marzo 2010 da una visionaria idea di Marco Colombaioni (Milano 1983 – Marina di Ravenna 2011) che dopo svariati viaggi in terra keniana ha desiderato offrire nuove possibiltà attraverso l’Arte.

Partecipano a CIAK! Kibera Guido Bosticco, Vincenzo Cammarata, Andrea Canepari, Alberto Colzani, Fiammetta Caime, Camilla Garelli,  Guido Mariani, Francesco Medda, Andrea Rossi,  Matteo Rubbi, Emiliana Sabiu, Carlo Spiga. Francesco Medda,

CIAK! Kibera è un progetto finanziato dalla Regione Autonoma della Sardegna, Legge Regionale 11 aprile 1996, n. 19 , Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale.

L’associazione responsabile del progetto è Cherimus e i partner sono: Comune di Perdaxius, Comune di Narcao, Teatro di Sardegna di Cagliari, Casa Emmaus di Iglesias, Amani ONG di Milano, Koinonia Community di Nairobi.

Ph Vince Cammarata

p4180587light p4180523-light p4180370-light p4160680-light

***

Kibera is a district of Nairobi. And it is also the largest informal settlement in all of sub-Saharan Africa.

Kibera lies on a hill between the green of the Nairobi National Park, some residential areas and the city center. Around one million people live in just over 256 hectares, in a city of about four million inhabitants.

The name “Kibera” is a Nubian word which means “forest”: this area, in fact, used to be covered by luxurious vegetation. Today, there is no trace of it left.

Ciak! Kibera is an adventure to which will take part Kenyan and international artists, musicians and filmmakers, who will work to realize a film together with a group of 20 children born and raised in Kibera.

They will be our fellow travelers. Together with them, we will write a story about their lives and dreams. The film will take shape through daily exchanges, where everyone will learn and teach something to the others.

Ciak! Kibera is the dream of a space of art, research and encounters where to experiment with ideas and transgress the confines of knowledge that separate cultures and, above all, people.

Ciak! Kibera is the possibility of encounters and exchanges: an opening in place of a self-referential closure.

Ciak! Kibera is an art project that involves some of the most interesting Kenyan and international artists.

Ciak! Kibera is a gaze on a part of the world that is often forgotten or simply deemed too distant.

Ciak! Kibera is a bridge without barriers that connects two continents.

Ciak! Kibera is part of “Darajart”, a project of international residences created in March 2010 by a visionary idea by ​​Marco Colombaioni (Milano 1983 – Marina di Ravenna 2011), who – after several trips to Kenya – wanted to create new possibilities through art.

CIAK! Kibera is a project funded by the Autonomous Region of Sardinia, Regional Law 11 April 1996, n. 19 (Legislation on cooperation with developing countries and on international cooperation).

The project is managed by the Association Cherimus, in partnership with the Municipality of Perdaxius, the Municipality of Narcao, Teatro di Sardegna (Cagliari), Casa Emmaus (Iglesias), Amani NGOs (Milan) and Koinonia Community (Nairobi).

p4201476-light

p4091383-light

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on Pinterest
  • Progetti

Post a Comment

Your email is never published nor shared.

You may use these HTML tags and attributes <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>